CONCERTO DI FLAVIO GIURATO - extrashow di Ypsigrock Festival

dal 3/08/2016 al 13/08/2016


Venerdì 5 agosto 2016 alle ore 20.20, in occasione della 20. edizione dell’Ypsigrock Festival, il Museo Civico di Castelbuono è lieto di presentare un concerto speciale di Flavio Giurato, extrashow di Ypsigrock ospitato nell’atrio del Castello dei Ventimiglia. Si tratta di un concerto a posti limitati, mirato ad un pubblico di nicchia, perché Giurato è considerato il segreto meglio custodito della scena cantautorale italiana, per alcuni il più grande cantautore italiano vivente. Fratello del giornalista Luca, artista di culto per addetti ai lavori e appassionati, presenta il suo nuovo disco, “La scomparsa di Majorana”, uscito l’anno scorso, la cui lavorazione è stata eseguita in accordo con le fasi lunari.

 

Il concerto, che celebra l’apertura della ventesima edizione di Ypsigrock, è inserita nel programma degli eventi collaterali del “Miglior Festival d’Italia” che animerà gli splendidi e ricercati scenari di Castelbuono dal 4 al 7 agostoYpsigrock è uno dei più suggestivi boutique festival europei, costruito su un format originale frutto di una commistione tra una selezionata ricerca musicale e la riscoperta delle bellezze del territorio. Una cascata di esclusive animerà il cast di quest’anno, che vedrà alternarsi sui palchi del Festival Crystal Castles, The Vaccines, Daughter, Mudhoney, Kiasmos, Savages, Minor Victories, Giant Sand, LUH e molti altri.

 

La collaborazione tra il Festival e il Museo Civico di Castelbuono continua durante tutte le serate del Festival (4-7 agosto), quando i video d’artista di Salvatore Arancio – la cui personale ospitata al museo si apre al pubblico dal 5 agosto - saranno proiettati sulla facciata del Castello dei Ventimiglia, per suggellare la partnership con Ypsigrock e rendere ancora più suggestiva e speciale l’esperienza tra arte e musica contemporanea a Castelbuono.

 

Flavio Giurato è autore di tre album meravigliosi tra il 1978 e il 1984 ("Per futili motivi", "Il Tuffatore" e "Marco Polo"), a distanza di 12 anni dal suo ultimo lavoro, "Il manuale del cantautore", è ritornato con un nuovo disco, "La scomparsa di Majorana", un capolavoro, definito da Christian Zingales della rivista Blow Up - che l’ha inserito al secondo posto, dietro “Carrie & Lowell” di Sufjan Stevens, nella top 10 dei migliori album usciti nel 2015 – “un disco che in futuro sarà adorato come un monolite sacro”. Disco manifesto e apologia dalla musica organica garantita senza bpm. Album dedicato soprattutto alla grande ricerca degli armonici, il più ambizioso dei segreti del suono. La tastiera che si sente accompagnare le chitarre non esiste. Quel suono è creato spontaneamente dagli armonici. Dieci tracce per un lavoro pensato come un album analogico e rigorosamente destinato ad un ascolto in cuffia che possa ricreare le complesse atmosfere dello splendido isolamento nel Val d’Arno, dove è stato registrato da Andrea Cozzolino con la produzione artistica di Piero Tievoli. Il lavoro di pre-produzione è durato quattro anni come le quattro stagioni nella sede della Entry di Roma con il pianoforte Steinway O180 e la cura di Guido Celli, giovane poeta romano molto attivo sulla scena catanese. Perché Majorana: Lady Diana Spencer avrebbe voluto vedersi dissolvere come la pastiglia dell’Alka Seltzer nell’acqua del bicchiere. La possibilità di scomparire, l’opzione di non esserci più volontariamente. Il cambio d’identità, il programmato suicidio del talento. Majorana come una chiave usb infilata nel racconto dell’Italia di oggi: si può inserire, si può espellere, l’importante è farlo in cuffia. “La scomparsa di Majorana” ha visto l’impiego di chitarre Fender, Gibson, Rickenbacker, Nicola De Bonis ed Aegilium. Dall’inizio del 2016, Giurato è ripartito in tour accompagnato al basso da Federico Zanetti e alle percussioni da Daniele Ciucci Giuliani. Il suo concerto è stato tra i BEST LIVE di gennaio secondo i direttori artistici dei club che aderiscono al circuito KeepOn.


Il Museo Civico di Castelbuono esprime il proprio ringraziamento ad Elenk’Art per il sostegno alla promozione delle attività culturali del Museo. Inoltre si desidera ringraziare il Grand Hotel et Des Palmes; The HotelSphere Hotel & Villa Collection; Villa Catalfamo; l’Hotel Paradiso delle Madonie di Castelbuono; il B&B Donjon di Castelbuono; Ecologia e Ambiente SpA.

 

BIOGRAFIA

Flavio Giurato (Roma, 1951). Figlio di un diplomatico, Giovanni Giurato, che è stato Console Generale in Uruguay, inizia la carriera come autore, scrivendo per altri artisti come Anna Melato (Madame Marilou, nel 1974). Firma un contratto con la Dischi Ricordi e pubblica nel 1978 il suo primo LP, Per futili motivi, un concept album sulla storia di un ragazzo nel periodo del fascismo e dello scoppio della seconda guerra mondiale. L'album viene trasmesso spesso dalle radio private, in particolare la title track (con il ritornello in romanesco) e Che ne sapevo; ma è il disco successivo, Il tuffatore (pubblicato per la CGD), quello che è giudicato il suo capolavoro e che, grazie anche alla trasmissione Mister Fantasy (condotta da Carlo Massarini) che trasmette nel corso delle puntate i video di alcune canzoni del disco, riscuote maggior successo. Le atmosfere musicali mescolano, come nel precedente, canzoni acustiche come Valterchiari, Introduzione o Notte di concerto a melodie orecchiabili come L'acchiappatore dell'acqua e Orbetello, oltre ad un brano strumentale, La stanza del mezzosogno. Anche in questo caso si tratta di un concept album: il tema questa volta è una storia d'amore, nata durante un torneo di tennis ("Tu sei nel mio cuore dal torneo di Orbetello/quando è libecciato e non si è giocato..."), con divagazioni sulla vita giovanile di quegli anni e, qui e là, alcuni spunti ironici ("Amore amore amore/ figliola non andare coi cantautori/ amore amore amore/ che poi finisci nelle canzoni..."). L'album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 84. Marco Polo però, decisamente sperimentale, non ripete l'exploit, e causa anche la fine del contratto con la casa discografica, per cui Giurato, pur continuando a comporre e ad esibirsi sporadicamente dal vivo, non pubblica più dischi per quindici anni. In questo periodo, tra le altre cose, realizza dei documentari. Il manuale del cantautore, nel 2002, viene pubblicato senza molta pubblicità da Vitaminic, etichetta che consente anche di scaricare l'album dal suo sito: grazie ad alcune canzoni come Ustica o L'ufficialino, riattira l'attenzione dei vecchi fans, consentendo a Giurato di riprendere l'attività dal vivo e di pubblicare nel 2004 un disco dal vivo allegato ad un volume di racconti di alcuni grandi scrittori italiani (come Aldo Nove, Gianrico Carofiglio, Tiziano Scarpa, Paolo Nori, Fulvio Abbate e Alessandra C), intitolato "Il tuffatore - Racconti e opinioni su Flavio Giurato" ispirati alle canzoni più note del cantautore. La CGD coglie l'occasione per ripubblicare (nella collana L'Urlo) in cd Il tuffatore e Marco Polo. Il disco del 2007 riprende nel titolo il disco uscito per Vitaminic e racchiude, oltre ad alcune reincisioni di brani tratti da quel disco (come “L'ufficialino” e la stessa title track) alcuni inediti come “La tentazione”, “La Giulia bianca” e “I dinosauri”. Nel 2014 pubblica il singolo Dogma, realizzato con Fausto Rossi e Rosybindy. Esce nel marzo 2015 esce l’ultimo album "La scomparsa di Majorana”.

 

Informazioni:

concerto di: Flavio Giurato, extra show di Ypsigrock Festival

data: venerdì 5 agosto dalle 20.20 alle 20.50

biglietto: 2 €, posti limitati; durante i giorni dell’Ypsigrock Festival, 5-6-7 agosto il biglietto d’ingresso del Museo Civico di Castelbuono sarà di 1 € per abbonati e possessori di biglietto giornaliero Ypsigrock (con questo biglietto su potranno visitare tutte le collezioni del museo: archeologica, urbanistica, arte sacra, contemporanea e le mostre temporanee “Solo la terra resiste alla terra” di Carlo e Fabio Ingrassia e “Travelling circular labyrinths” di Salvatore Arancio).

indirizzo: Museo Civico di Castelbuono, Castello dei Ventimiglia, P.zza Castello – Castelbuono (PA), Italia; telefono: 0921.671211; sito web: www.museocivico.eu